Clod on the road – Scilla

Clod on the road – Scilla

Clod on the road – Scilla

Amata e cantata da poeti e scrittori, culla di una civiltà di pescatori e nostromi che vivono in completa simbiosi con le sue ricche acque, dominata dall’alto della sua rupe dal maestoso Castello Ruffo e contornata dalle case sull’acqua di Chianalea: bentrovati al secondo appuntamento con Clod on the Road, che oggi fa tappa a Scilla. 

Sono particolarmente felice di potervi parlare in prima persona di questo splendido borgo annoverato tra i più belli d’Italia, essendo questo il mio posto del cuore in Calabria. Scilla è definita la perla della Costa Viola, ne è infatti una delle mete turistiche principali, che ogni anno porta in questa zona migliaia di turisti italiani e stranieri che la scelgono per assaporarne la dolce vita mediterranea. Ciò che contraddistingue questa cittadina è senza dubbio la sua geografia che racchiude, tra una baia di sabbia bianca a sinistra e un golfo roccioso a destra, un pugno di case pittoresche schierate su un promontorio soleggiato che si affaccia sullo Stretto di Messina.

Passeggiare tra i vicoli di Scilla permette di immergersi in una dimensione a se stante quasi surreale, che trasmette quel senso di italianità senza tempo cantato nelle canzoni popolari. Non si tratta del solito borgo di mare ma piuttosto di un posto unico, in cui storia e leggenda caratterizzano tutt’ora la vita del paese che vive seguendo i ritmi della natura in cui è immerso e che per questo offre un senso di quiete e relax anche nei mesi estivi, in cui di solito è più popolato dai turisti.

Come dicevamo questo borgo è famoso per le tante citazioni letterarie che lo vedono protagonista, da Omero che ne racconta l’atroce tappa di Ulisse in viaggio di ritorno verso casa fino a Verga che ne acclama le cristalline acque, quando visiterete Scilla non faticherete a capirne il perché è stata ed è tutt’ora fonte di ispirazione per moltissimi “artisti” che ne cantano il fascino senza tempo. Come vi anticipavo sento forte il legame con la bella Scilla, perciò anche stavolta proverò a darvi qualche consiglio a proposito degli spot immancabili da vedere in questo meraviglioso borgo raccontandovi cosa abbiamo fatto noi di Clod on the Road durante la nostra giornata passata qui. Partiamo!

Abbiamo iniziato la nostra gita facendo un passeggiata tra i vicoli di Chianalea, il famosissimo quartiere dei pescatori con le sue casette adagiate direttamente nell’acqua e i locali con i tavoli disposti sui moli. Proprio per il fatto d’essere immersa letteralmente nel mare, Chianale viene definita la “Venezia del sud” e in quanto ad atmosfera, fidatevi non è affatto da meno rispetto alla Serenissima. In questo contesto anche noi di Clod on the road ci siamo fatti trasportare dall’ambientazione marinaresca e abbiamo sfruttato il piccolo porto per fare un po’ di foto tra le barchette. L’abito azzurro a fiori, leggero e svolazzante di Essentiel Antwerp matchava perfettamente con lo sfondo, in tinta anche la maxi bag di Ioef e il luccicante bracciaciale in plexiglass di Radà, super chicca gli occhiali da taglio trendy di Jimmy Crystal New York. Siamo riusciti a racchiudere tanto, tantissimo blu in degli scatti da cartolina, perfetti. Ah, piccolo consiglio, se anche voi deciderete di iniziare la vostra visita a Scilla proprio da Chianalea non potete perdervi la vista di cui si godere dalla parte finale del molo del porto: vi permetterà di vedere Scilla dal mare senza però essere su una barca.

Dopo questa nostra prima tranche di “lavoro” vista l’ora, affamati e anche un po’ accaldati, abbiamo deciso di fermarci a pranzo nel più tipico dei ristoranti di Chianale il Bleu de Toi, che si trova proprio nella parte centrale di via Grotte, che è la via principale del borgo, precisamente al N 40.

Questo locale storico offre una vasto assortimento di piatti di freschissimo pesce mediterraneo tra cui naturalmente domina indiscusso sua maestà il Pesce Spada, il re di questo tratto di mare, che viene pescato a Scilla seguendo ancora la tradizionale pesca con le “Spatare” imbarcazione tipica della zona. Oltre alla cucina deliziosa il Bleu de Toi offre una location davvero suggestiva, potrete infatti pranzare o cenare “sull’acqua” grazie alla loro passerella con i tavoli che offrono quell’incredibile panorama che solo Scilla sa regalare. In effetti la nostra seconda tappa alla ricerca dello scatto perfetto è iniziata proprio nel ristorante stesso, qui tra un bicchiere di vino e una frittura di pesce, mi sono cambiata d’abito optando per questo lungo con fantasia animalier di Essentiel Antwerp abbinato un degli orecchini pendenti color oro di Radà.

 

Una mise dalla vestibilità comoda ma con dettagli di tendenza ideale per fare ancora qualche foto passeggiando tra i vicoletti o di fronte alla piccola Fontana della Sirena che si trova anch’essa lì in via delle Grotte. Ora non mi dilungherò troppo nello spiegarvi perché visitando Scilla fare questa camminata per le vie di Chianalea è d’obbligo, già semplicemente guardando le nostre fotografie potete rendervi conto della meraviglia che questo posto concede ad ogni angolo.

Ma torniamo alla nostra esperienza on the road, nel pomeriggio ci siamo poi spostati nel centro di Scilla, e un cambio location che si rispetti implica anche un cambio look ad effetto. Potevamo noi esimerci? Avendo usato come sfondo il maestoso Castello Ruffo, lo Staff di Clod ha pensato di propormi un elegante abito a balze fucsia di Simona Corsellini abbinato ad una collana in plexiglass verde acido di Radà. Non poteva esserci look più adatto, il vento e il sole di Scilla hanno letteralmente animato la mise permettendoci di realizzare degli scatti sensazionali (non senza dei piccoli incidenti un po’ come dire osè). Il centro della cittadina offre dei punti panoramici incredibili da cui si apre la vista sull’intero golfo e sul blu dello stretto. Se avete la fortuna di capitare a Scilla in una bella giornata, come noi, vi assicuro che rimarrete senza fiato di fronte a tanta bellezza. Vi consiglio inoltre, oltre a visitare gli interni del castello e la Chiesa Matrice, di sedervi a bere un caffè o mangiare un gelato in uno dei bar nella piazza San Rocco, che prende il nome dall’omonima chiesa dedicata al santo Patrono. Anzi ancor meglio, ordinate da asporto e sedetevi in una panchina con vista castello, magari vicino alla imponente statua bronzea raffigurante Scilla Mitologica, come vedete una foto in questo punto della città non può mancare! 

Arrivati all’ora del tramonto noi di Clod on the Road abbiamo concluso la nostra giornata facendo una passeggiata al mare per goderci al meglio questo momento magico, sedendoci ad osservare l’orizzonte. Effettivamente non saprei raccomandarvi modo migliore per chiudere una gita a Scilla.

Dunque, concludere il racconto di questa incredibile giornata non è semplice, di cose da dire a proposito della Magica Scilla ce ne sarebbero davvero un’infinità. Essendo però Clod on the road un blog di viaggi “anomalo” ho preferito non darvi delle mere informazioni turistiche, ma piuttosto condividere con voi quanto sia stato piacevole e divertente passarci una giornata, persino per me che a Scilla ci sono stata centinaia di volte. Mi sento di dire che di questo posto non ne avrò mai abbastanza e coglierò ancora ogni occasione per tornarci, perciò andate fatelo anche voi. Andate a visitare Scilla, e se ci siete già stati beh tornateci, perché quest’anno è più bella che mai! 

Quale informazioni utile su come raggiungere Scilla:

– In aereo gli aeroporti utili sono: sia quello di Reggio Calabria che quello di Lamezia Terme.

– In treno Scilla dispone di una Stazione Ferroviaria ben servita e in pieno centro città.

– In macchina molto semplicemente attraverso l’autostrada uscita Scilla.

Al solito il mio consiglio, se venite in vacanza in Calabria è di noleggiare una macchina, ma anche uno scooter nei mesi estivi può essere la soluzione. 

Debora per Clod on the road

Scritto da: Debora Borgese www.instagram.com/bebybehappy/

Foto di: Alessandro Gallo

Email: alex.gallo73@gmail.com

Sito web: https://naosartecultura.wixsite.com/naos

Facebook: www.facebook.com/alessandro.gallo.31

Instagram: www.instagram.com/alessandro.gallo.31

Ristorante: Blu de Tois

Sito web: https://www.ristorantebleudetoi.it

Instagram: www.instagram.com/bleu_de_toi_2003/

Facebook: www.facebook.com/Bleu-de-toi-203406113015188

Come sempre vi ricordiamo che se volete unirvi alla grande famiglia di Clod on the Road per diventare uno dei nostri writer, potete scrivere a info@clodcollection.it per aggiudicarvi la possibilità di scrivere a proposito del vostro posto preferito in Calabria.

A prestissimo!

Trovate gli altri articoli del blog qui.

Comment (2)

  • Bellissima iniziativa👏👏👏👏👏👏👏💯

    CinziaF.p.
    Rispondi
    • Grazie 😊

      Vincenzo Cormaci
      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Start typing and press Enter to search

Brands